Moratti ufficializza: è il colpo del centenario! – ioRido

10 luglio 2008 – 22:19

Avrete sentito parlare negli ultimi giorni dello scandalo delle foto dell’esercitazioni militari iraniane ritoccate. Bhe sì, non si capisce bene ancora il motivo, probabilmente per dimostrare di avere un arsenale poderoso, ma quello che è sicuro è che la foto rilasciata dall’esercito d’élite iraniano nei giorni scorsi è una meschina falsa opera di foto-ritocco.

Ecco le immagini (da corriere.it) :

Fotogramma da video (foto vera):

Foto rilasciata da esercito iraniano (ritoccata):

.

Direte, cosa c’è in comune tra l’esercito iraniano e la squadra neocampione d’Italia?

Bene, la vicenda ha vuto dei clamorosi risvolti:

Il presidente dell’Inter Massimo Moratti si è recato oggi stesso in Iran, e tramite un’intevista esclusiva per ioPenzo.it ha dichiarato:

“Abbiamo ingaggiato il ritoccatore iraniano. Avete visto tutti le sue impressionanti capacità di foto ritocco nelle foto rialsciate dall’esercito iraniano, e ci è sembrato opportuno portare a Milano un giovane talentuoso come lui”

Presidente, i termini dell’ingaggio?

“Ha firmato un quadriennale, di 15 mln di euro netti a stagione. Entrambi le parti possono ritenersi soddisfatte. L’acquisto di oggi è il tanto atteso colpo del centenario, e i tifosi al nostro rientro in città saranno in delirio”

Perchè la scelta del foto-ritoccatore iraniano?

“Darà all’inter quello che manca, non posso aggiungere altro. Grazie”

.

.

.

Siamo andati oltre, e siamo riusciti a trovare una bozza del lavoro del neoacquisto dell’inter:

 

Share

Autore:

  1. 2 Risposte a “Moratti ufficializza: è il colpo del centenario! – ioRido”

  2. Scritto da mimmo il lug 10, 2008

    edi……sei un pazzerello,speriamo almeno ci porti fortuna ahmadin…sicuramente la join venture a moratti porterà più che fortuna….n’sacco de mijardi!!!

  3. Scritto da vanni il lug 11, 2008

    Moratti ha chiarito meglio la vicenda: “La squadra va bene così ma deve essere ritoccata”.

Sorry, comments for this entry are closed at this time.